#SelfieadArte

Pérez Art Museum Miami (PAMM) è il polo culturale progettato dal duo svizzero Herzog & de Meuron, un museo di arte contemporanea, situato nel Museum Park che si sviluppa lungo la Biscayne Bay a Miami. L'edificio è costruito nei minimi dettagli e in armonia con la location. La terrazza sulla baia, le enormi colonne che scendono dal tetto, completamente ricoperte da vegetazione, creano continuità tra lo spazio interno i giardini che lo circondano.
La collezione del museo è composta da 1.800 opere d’arte internazionali, prodotte dalla metà del XX secolo a oggi. Di queste opere, 110 furono donate da Jorge M. Pérez, collezionista privato che donò ulteriori 35 milioni di dollari per la costruzione della nuova sede.

Jauma Plensa - Looking into My Dreams, Awilda (2012)

Pubblicato in Selfie ad Arte

Pérez Art Museum Miami (PAMM) è il polo culturale progettato dal duo svizzero Herzog & de Meuron, un museo di arte contemporanea, situato nel Museum Park che si sviluppa lungo la Biscayne Bay a Miami. L'edificio è costruito nei minimi dettagli e in armonia con la location. La terrazza sulla baia, le enormi colonne che scendono dal tetto, completamente ricoperte da vegetazione, creano continuità tra lo spazio interno i giardini che lo circondano.
La collezione del museo è composta da 1.800 opere d’arte internazionali, prodotte dalla metà del XX secolo a oggi. Di queste opere, 110 furono donate da Jorge M. Pérez, collezionista privato che donò ulteriori 35 milioni di dollari per la costruzione della nuova sede.

Jesus Rafael Soto - Penetrable BBL Blue 2/8, 1999

Pubblicato in Selfie ad Arte

Pérez Art Museum Miami (PAMM) è il polo culturale progettato dal duo svizzero Herzog & de Meuron, un museo di arte contemporanea, situato nel Museum Park che si sviluppa lungo la Biscayne Bay a Miami. L'edificio è costruito nei minimi dettagli e in armonia con la location. La terrazza sulla baia, le enormi colonne che scendono dal tetto, completamente ricoperte da vegetazione, creano continuità tra lo spazio interno i giardini che lo circondano.
La collezione del museo è composta da 1.800 opere d’arte internazionali, prodotte dalla metà del XX secolo a oggi. Di queste opere, 110 furono donate da Jorge M. Pérez, collezionista privato che donò ulteriori 35 milioni di dollari per la costruzione della nuova sede.

Hew Locke - For Those in Peril on the Sea - 2011

Pubblicato in Selfie ad Arte

Art Basel è una delle più importanti fiere di arte moderna e contemporanea al mondo. Si svolge ogni anno, in tre distinti appuntamenti, a Basilea, a Miami Beach e ad Hong Kong.
A Miami Beach sono 267 le gallerie presenti, provenienti da 31 paesi.

Riviviamo la fiera di quest’anno attraverso 10 artisti:

NATHALIE DJURBERG, videoartista e scultrice svedese già vincitrice di un Leone alla Biennale di Venezia del 2009 (per i film in stop-motion prodotti con Hans Berg) propone presso lo stand di Galleria Marconi alcune sue recenti opere, ovvero dei Donut di gommapiuma, sculture-poltrone la cui forma circolare richiama un concetto ricorrente nelle installazioni dell’artista, a richiamare la forma essenziale del cosmo.

NATHALIE DJURBERG

 

GÉZA SZÖLLŐSI, artista ungherese, è presente allo stand di NextArt Galeria con una delle sue facce animali gonfiate, realizzate con reali teste di animali morti e trattate tramite tassidermia. Profondamente unpop, eccessivo, spesso accostato idealmente in questo ad artisti quali Jake and Dinos Chapman, Jeff Koons o Cindy Sherman – coi quali ha anche esposto – è anche fotografo e grafico. Certamente i lavori basati sulla tassidermia o sulla carne animale sono i più scioccanti (e c’è da dire che quello qui presente è uno di quelli più “delicati”), ma probabilmente – e forse anche grazie a questo – i più efficaci.

GÉZA SZÖLLŐSI

 

ERNESTO NETO, artista brasiliano, con “Nós Sonhando [Spacebodyship]”, installata a Collins Park, invita il visitatore a riposare il suo corpo, ed implicitamente – attraverso il titolo dell’opera – a far sì che questo riposo possa essere preludio a un viaggio onirico che certamente garantirà una più profonda fruizione dell’opera stessa, come di ogni opera presente. Fa parte di una serie di 26 installazioni site-specific di svariati artisti per il parco, che sviluppano il concetto di sperimentazione.

ERNESTO NETO

 

ROBERT WILSON, definito “il più grande artista teatrale d’avanguardia”, è senza dubbio artista totale: scultore, pittore, coreografo, sound e light designer, performer, video artista, regista e drammaturgo. La galleria Thomas Schulte porta a Miami tre videoinstallazioni – già presentate al Louvre un anno fa – in cui Lady Gaga è la musa che reinterpreta alcuni importanti quadri del passato, tra cui spiccano quelli dei neoclassici Ingres e David.

ROBERT WILSON

 

SALLY MANN è presente con una delle sue fotografie più famose: “Candy Cigarette”, in cui la figlia Jessie appare sospesa in un frammento di tempo irreale, come distratta dalle sue attività infantili, con in mano una caramella a forma di sigaretta: una sorta di rivisitazione di una donna vissuta in chiave infantile, in cui la forza paradossale è notevole. La stampa, una silver print facente parte di una serie limitata a 25 ed esaurita, è della Edwynn Houk Gallery.

SALLY MANN

 

PETER MARINO, archistar che ha rivoluzionato il concetto della boutique di lusso, è “presente” più che mai, quasi in carne ed ossa, al Bass Museum. Certamente è presente una delle sue mise di cuoio nero, indossata da una sua riproduzione iperrealista che invita irresistibilmente al selfie. È esposta parte della sua collezione privata di opere d’arte: artisti quali il nostro Rudolf Stingel, Dan Colen, Christopher Wool, e ancora Anself Kiefer, Georg Baselitz, Robert Mapplethorpe.

PETER MARINO

 

 OS GEMEOS, graffiti artists brasiliani e gemelli monozigoti (da cui il nome), espongono un’opera “Untitled” allo stand di Lehmann Maupin. Da una tavola di 254 x 330 x 16 cm pare fuoriuscire un personaggio dalla pelle gialla – caratteristica ricorrente nei lavori del duo, che afferma che fosse il colore abituale dei sogni di entrambi. Certamente, il giallo e in generale i colori utilizzati da Os Gemeos sottolineano una forte identificazione con la loro terra.

OS GEMEOS

 

HANDIEDAN, artista olandese, realizza elaborati collage tridimensionali a bassorilievo, con un meticoloso lavoro sui vari layer, in cui combina sfondi vittoriani, barocchi, neoclassici con elementi quali antiche stampe, banconote, carte da gioco, carta da musica e ponendo al centro del soggetto figure di classiche pin-up o anche machi sempre rigorosamente d’epoca. Estetica, simbolismo e forza figurativa per la artista di Hashimoto Contemporary.

HANDIEDAN

 

GUNILLA KLINGBERG lascia il segno – è il caso di dirlo – con l’ennesima declinazione del suo “A Sign In Space”: una sorta di rullo compressore rivestito di parti di pneumatico giustapposte a formare un disegno geometrico passa, ogni mattina, sulla spiaggia di Miami. Formando un pattern che gli eventi naturali ed umani gradualmente cancelleranno nel corso della giornata. Come un mandala, a ricordare l’apparente paradosso dell’eternità nell’effimero.

 

GUNILLA KLINGBERG

 

THEO JANSEN rende a sua volta protagonista la spiaggia di Miami Beach popolandola con le sue Strandbeesten (lett. “animali da spiaggia” in olandese), sorta di giganteschi “insetti” semoventi e addirittura dotati di abilità percettive, memoria e omeostasi. «i confini tra arte e ingegneria esistono solo nelle nostre menti», dice Janssen, e a ragione: non a caso viene naturale pensare all’approccio di Leonardo. E nel frattempo, alla Scope, Maya Polsky Gallery espone le foto fatte da LENA HERZOG alle bestie di Jansen.

THEO JANSEN

 

 

Pubblicato in ArtsLife

Miami è una città particolarmente attenta all’arte contemporanea: è in questa città che si svolge infatti la fiera di settore più importante e completa d’America, ovvero Art Basel Miami; e, ancora, è qui che esiste un intero quartiere fortemente orientato all’arte e al design: il Miami Design District.

Tra i suoi loft, ex strutture industriali e magazzini riconvertiti in showroom e boutique, si trovano anche oltre 130 gallerie d’arte, antiquari, e spesso si svolgono importanti eventi: come accade il secondo sabato di ogni mese, in cui nel quartiere va in scena un evento intitolato Art & Design Night.

 

Fernando Botero, Maternity

Pubblicato in Selfie ad Arte

Miami è una città particolarmente attenta all’arte contemporanea: è in questa città che si svolge infatti la fiera di settore più importante e completa d’America, ovvero Art Basel Miami; e, ancora, è qui che esiste un intero quartiere fortemente orientato all’arte e al design: il Miami Design District.

Tra i suoi loft, ex strutture industriali e magazzini riconvertiti in showroom e boutique, si trovano anche oltre 130 gallerie d’arte, antiquari, e spesso si svolgono importanti eventi: come accade il secondo sabato di ogni mese, in cui nel quartiere va in scena un evento intitolato Art & Design Night.

 

Marc Quinn, Myth Fortuna – Kate Moss

Pubblicato in Selfie ad Arte

Miami è una città particolarmente attenta all’arte contemporanea: è in questa città che si svolge infatti la fiera di settore più importante e completa d’America, ovvero Art Basel Miami; e, ancora, è qui che esiste un intero quartiere fortemente orientato all’arte e al design: il Miami Design District.

Tra i suoi loft, ex strutture industriali e magazzini riconvertiti in showroom e boutique, si trovano anche oltre 130 gallerie d’arte, antiquari, e spesso si svolgono importanti eventi: come accade il secondo sabato di ogni mese, in cui nel quartiere va in scena un evento intitolato Art & Design Night.

 

Xavier Veilhan, Le Corbusier

Pubblicato in Selfie ad Arte

A metà degli anni 2000 il Wynwood Art District, su iniziativa dell’associazione Primary Flight, divenne un “open air museum”, Street artist da tutto il mondo furono invitati a decorare i muri delle warehouse presenti nella zona – già complesso industriale – con le loro opere.

Tony Goldman, proprietario di un’ampia zona nel distretto e grande appassionato d’arte, decise quindi di realizzare i Wynwood Walls: un complesso di edifici con muri altissimi e senza finestre, oltre a uno spazio per i graffiti meno imponenti, le Wynwood Doors.

Oggi Wynwood è il più grande “street artist museum” del mondo: murales enormi (che ciclicamente cambiano, in occasione di Art Basel Miami), gallerie d’arte, negozi, bar e ristoranti.

 

Art by Kenny Scharf

Pubblicato in Selfie ad Arte

A metà degli anni 2000 il Wynwood Art District, su iniziativa dell’associazione Primary Flight, divenne un “open air museum”, Street artist da tutto il mondo furono invitati a decorare i muri delle warehouse presenti nella zona – già complesso industriale – con le loro opere.

Tony Goldman, proprietario di un’ampia zona nel distretto e grande appassionato d’arte, decise quindi di realizzare i Wynwood Walls: un complesso di edifici con muri altissimi e senza finestre, oltre a uno spazio per i graffiti meno imponenti, le Wynwood Doors.

Oggi Wynwood è il più grande “street artist museum” del mondo: murales enormi (che ciclicamente cambiano, in occasione di Art Basel Miami), gallerie d’arte, negozi, bar e ristoranti.

 

Art by Os Gemeos

Pubblicato in Selfie ad Arte

Instagramazons (Art by Fabio Cranio)

Mercoledì, 20 Aprile 2016

A metà degli anni 2000 il Wynwood Art District, su iniziativa dell’associazione Primary Flight, divenne un “open air museum”, Street artist da tutto il mondo furono invitati a decorare i muri delle warehouse presenti nella zona – già complesso industriale – con le loro opere.

Tony Goldman, proprietario di un’ampia zona nel distretto e grande appassionato d’arte, decise quindi di realizzare i Wynwood Walls: un complesso di edifici con muri altissimi e senza finestre, oltre a uno spazio per i graffiti meno imponenti, le Wynwood Doors.

Oggi Wynwood è il più grande “street artist museum” del mondo: murales enormi (che ciclicamente cambiano, in occasione di Art Basel Miami), gallerie d’arte, negozi, bar e ristoranti.

 

Art by Fabio Cranio

Pubblicato in Selfie ad Arte