#SelfieadArte

Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection presenta ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’. La mostra costituisce la prima grande personale dedicata a Damien Hirst in Italia ed è curata da Elena Geuna. Si estende lungo i 5.000 metri quadrati espositivi di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, le due sedi veneziane della Pinault Collection che per la prima volta sono entrambe affidate a un singolo artista.

Il progetto è complesso e ambizioso, la sua realizzazione si è protratta lungo diversi anni. Eccezionale nelle dimensioni e nei propositi, la mostra racconta la storia dell’antico naufragio della grande nave ‘Unbelievable’ (Apistos il nome originale in greco antico) e ne espone il prezioso carico riscoperto: l’imponente collezione appartenuta al liberto Aulus Calidius Amotan, conosciuto come Cif Amotan II, destinata a un leggendario tempio dedicato al Dio Sole in oriente.
Damien Hirst è una presenza imprescindibile per la Pinault Collection che accompagna l’artista inglese nella realizzazione di un sogno aprendogli contemporaneamente le due sedi dove le opere dialogano in un gioco di specchi tra gli spazi espositivi. Fino al 3 dicembre 2017.

Pubblicato in Selfie ad Arte

Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection presenta ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’. La mostra costituisce la prima grande personale dedicata a Damien Hirst in Italia ed è curata da Elena Geuna. Si estende lungo i 5.000 metri quadrati espositivi di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, le due sedi veneziane della Pinault Collection che per la prima volta sono entrambe affidate a un singolo artista.

Il progetto è complesso e ambizioso, la sua realizzazione si è protratta lungo diversi anni. Eccezionale nelle dimensioni e nei propositi, la mostra racconta la storia dell’antico naufragio della grande nave ‘Unbelievable’ (Apistos il nome originale in greco antico) e ne espone il prezioso carico riscoperto: l’imponente collezione appartenuta al liberto Aulus Calidius Amotan, conosciuto come Cif Amotan II, destinata a un leggendario tempio dedicato al Dio Sole in oriente.
Damien Hirst è una presenza imprescindibile per la Pinault Collection che accompagna l’artista inglese nella realizzazione di un sogno aprendogli contemporaneamente le due sedi dove le opere dialogano in un gioco di specchi tra gli spazi espositivi. Fino al 3 dicembre 2017.

Pubblicato in Selfie ad Arte

Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection presenta ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’. La mostra costituisce la prima grande personale dedicata a Damien Hirst in Italia ed è curata da Elena Geuna. Si estende lungo i 5.000 metri quadrati espositivi di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, le due sedi veneziane della Pinault Collection che per la prima volta sono entrambe affidate a un singolo artista.

Il progetto è complesso e ambizioso, la sua realizzazione si è protratta lungo diversi anni. Eccezionale nelle dimensioni e nei propositi, la mostra racconta la storia dell’antico naufragio della grande nave ‘Unbelievable’ (Apistos il nome originale in greco antico) e ne espone il prezioso carico riscoperto: l’imponente collezione appartenuta al liberto Aulus Calidius Amotan, conosciuto come Cif Amotan II, destinata a un leggendario tempio dedicato al Dio Sole in oriente.
Damien Hirst è una presenza imprescindibile per la Pinault Collection che accompagna l’artista inglese nella realizzazione di un sogno aprendogli contemporaneamente le due sedi dove le opere dialogano in un gioco di specchi tra gli spazi espositivi. Fino al 3 dicembre 2017.

Pubblicato in Selfie ad Arte

Un selfie a caso